Siemens Gamesa lancia la prima pala riciclabile per turbina eolica

Siemens Gamesa lancia la prima pala per turbina eolica completamente riciclabile al mondo

Siemens Gamesa lancia la prima pala per turbina eolica riciclabile

Siemens Gamesa lancia la prima pala per turbina eolica completamente riciclabile al mondo

L’energia eolica è uno dei capisaldi nella ricerca per affrontare l’emergenza climatica. Con oltre 200 GW di nuova capacità offshore prevista dal Global Wind Energy Council da installare entro il 2030, è fondamentale introdurre rapidamente soluzioni riciclabili. Siemens Gamesa apre la strada a un futuro sostenibile con RecyclableBlade, le prime pale eoliche riciclabili al mondo pronte per l’uso commerciale offshore. Con questa tecnologia, la separazione dei materiali nella pala è possibile alla fine del suo ciclo di vita, consentendo il riciclaggio in nuove applicazioni e definendo così la prossima pietra miliare della sostenibilità.

Siemens Gamesa ha lanciato quella che dice essere la prima pala di turbina eolica al mondo che può essere utilizzata in un parco eolico offshore commerciale e riciclata alla fine del suo ciclo di vita. L’azienda ha già accordi con tre importanti clienti, tra cui RWE ed EDF Renewables, per l’installazione delle pale nei parchi eolici offshore.

Il produttore di turbine eoliche con sede a Zamudio, in Spagna, il 7 settembre ha presentato RecyclableBlade, una pala composita lunga 81 metri i cui materiali possono essere separati, recuperati e riutilizzati in modo efficiente. Siemens Gamesa ha dichiarato di aver già prodotto sei RecyclableBlades nella sua fabbrica di lame ad Aalborg, in Danimarca.

Pale riciclabili da Siemens Gamesa
Le prime sei lame riciclabili lunghe 81 metri sono state prodotte presso la fabbrica di Siemens Gamesa ad Aalborg, in Danimarca. Source: Siemens Gamesa

La società prevede il primo dispiegamento delle pale nel parco eolico offshore Kaskasi da 342 MW di RWE in Germania, un progetto che dovrebbe iniziare a funzionare nel 2022. Siemens Gamesa sta anche lavorando con EDF Renewables “con l’obiettivo di implementare diversi set di RecyclableBlade per futuri impianti.

Cambiare le regole con una “nuova” resina

Mentre la pala riciclabile appena svelata di Siemens Gamea si basa sulla sua tecnologia IntegralBlade e segue lo stesso processo di produzione, essa applica una “nuova resina” la cui struttura chimica consente di separare in modo efficiente la resina dagli altri componenti alla fine della vita operativa della pala.

Secondo gli autori di un recente articolo su Energies, la maggior parte delle pale delle turbine eoliche oggi sono in genere fuse utilizzando fibre di vetro (GF) e fibre di carbonio (CF), un materiale di base (come legno o polietilene tereftalato espanso [PET]) e un sistema di resina, che è “più spesso epossidico o poliestere di alta qualità”.

Dopo che la resina si è polimerizzata, tutti i componenti della pala si legano insieme, diventando “praticamente impossibili da separare per consentire il riciclaggio a causa della reticolazione che si verifica tra resina e fibre durante la polimerizzazione”, come hanno spiegato gli autori, Ebbe Bagge Paulsen di Siemens Gamesa e Peter Enevoldsen del Center of Energy Technologies dell’Università di Aarhus.

Mentre il processo contribuisce in modo significativo all’integrità strutturale e alla flessibilità di una pala, pone una sfida problematica alla fine del ciclo di vita.

Mentre l’85% di una turbina eolica è già riciclabile, finora si è dimostrato “intrinsecamente difficile” riciclare le loro pale in modo economicamente efficiente, motivo per cui i proprietari di parchi eolici hanno per lo più smaltito le pale come materiale da discarica.

Tuttavia, diversi paesi europei hanno introdotto divieti sull’uso di compositi rinforzati con fibre (FRP) nelle discariche. Poiché il numero di installazioni e le dimensioni delle turbine continuano ad aumentare, diventa ancora più importante ridurre la quantità di rifiuti e riutilizzare e riciclare tutte le parti per ottenere un futuro verde.

Siemens Gamesa suggerisce che alla fine della vita di una turbina eolica, la RecyclableBlade sarà smantellata e “preparata per il processo di riciclaggio”. Sarà quindi immersa in una soluzione acida delicata riscaldata, che separerà la resina dalla fibra di vetro, plastica, legno e metalli. Il processo protegge le proprietà dei materiali nella pala, in contrasto con altri modi esistenti di riciclaggio delle pale delle turbine eoliche convenzionali. Una volta separati, i materiali possono quindi essere recuperati dalla soluzione e preparati per l’uso secondario tramite risciacquo e asciugatura.

Secondo Siemens Gamesa, i materiali recuperati da RecyclableBlades verrebbero utilizzati in nuovi prodotti che “corrispondono” alle proprietà tecniche dei materiali.

Foto di Nicholas Doherty

servizialleimprese
Avatar photo
Informazioni su TG Team 129 Articoli
We are the TG magazine editorial team, a unique pool of copywriters and engineers to get you through technologies and their impact on your business. Need our expertise for an article or white paper?