Robot esegue il primo intervento laparoscopico senza assistenza umana

STAR è il primo sistema robotico a pianificare, adattare ed eseguire un piano chirurgico nei tessuti molli con un intervento umano minimo.

STAR robot laparascopia

Un robot ha eseguito un intervento chirurgico laparoscopico sui tessuti molli di un maiale senza la guida di un essere umano, un passo importante della robotica applicata alla chirurgia completamente automatizzata nell’uomo. Progettato da un team di ricercatori della Johns Hopkins University, il robot stand-alone Smart Tissue (STAR) è stato presentato nella rivista Science Robotics.

“I nostri risultati mostrano che possiamo automatizzare uno dei compiti più intricati e delicati in chirurgia: la riconnessione di due estremità di un intestino. Lo STAR ha eseguito la procedura in quattro animali e ha prodotto risultati significativamente migliori rispetto agli esseri umani che eseguono la stessa procedura” — Axel Krieger, assistente professore di ingegneria meccanica presso la Whiting School of Engineering della Johns Hopkins.

Il robot ha avuto successo nell’anastomosi intestinale, una procedura che richiede un alto livello di movimenti ripetitivi e di precisione. Collegare due estremità di un intestino è senza dubbio il passo più difficile nella chirurgia gastrointestinale, che richiede al chirurgo una sutura di grande precisione e consistenza. Anche il minimo tremore della mano o una incisione fuori posto può portare a complicazioni catastrofiche per il paziente.

La chirurgia dei tessuti molli è particolarmente difficile per i robot a causa della sua imprevedibilità, costringendoli ad essere in grado di adattarsi rapidamente a difficoltà inaspettate, ha detto Krieger. “Ciò che rende speciale lo STAR è che è il primo sistema robotico a pianificare, adattare ed eseguire un progetto chirurgico nei tessuti molli con un intervento umano minimo”.

Un endoscopio tridimensionale basato sulla luce strutturata e un algoritmo di tracciamento basato sull’apprendimento automatico sono stati sviluppati da Kang e dai suoi studenti di STAR. “Crediamo che un sistema di visione tridimensionale avanzato sia essenziale per rendere i robot chirurgici più intelligenti e più sicuri”, ha detto Kang. “Man mano che il dominio medico progredisce verso approcci laparoscopici per gli interventi chirurgici, sarà importante disporre di un sistema robotico automatizzato progettato per tali procedure”, ha affermato Krieger.

“L’anastomosi robotica è un modo per garantire che le attività chirurgiche che richiedono alta precisione e ripetibilità possano essere eseguite con maggiore accuratezza e precisione in ogni paziente indipendentemente dall’abilità del chirurgo”, ha detto Krieger. “Ipotizziamo che questo si tradurrà in un approccio chirurgico democratizzato alla cura del paziente con risultati più prevedibili e coerenti per tutti”.

Autonomous robotic laparoscopic surgery for intestinal anastomosis è apparso su Science Robotics

Immagine di copertina: Johns Hopkins University

servizialleimprese
Avatar photo
Informazioni su TG Team 129 Articoli
We are the TG magazine editorial team, a unique pool of copywriters and engineers to get you through technologies and their impact on your business. Need our expertise for an article or white paper?